L’importanza della micronizzazione negli API

micronizzazione micronization machinery

In molti casi, l’assorbimento di alcuni principi attivi farmaceutici può risultare particolarmente difficoltosa per il nostro organismo. Affinché i farmaci raggiungano gli organi interni sui quali devono agire, devono infatti attraversare una serie di barriere come le mucose, le giunzioni strette tra cellule, le barriere proteiche e gli enzimi. 

Per questo motivo, la dimensione delle particelle che compongono le formulazioni degli API che devono superare queste barriere fisiologiche, gioca un ruolo fondamentale nel definire la biodisponibilità del farmaco. E non solo la dimensione delle particelle che compongono una sostanza ne influenza direttamente l’efficacia, ma anche la sicurezza e la facilità di produzione. 

Oggi le moderne tecnologie offrono una soluzione per ottenere formulazioni con un alto livello di biodisponibilità: si parla in questo caso di micronizzazione.

Cos’è la micronizzazione dei principi attivi farmaceutici?

Con il termine micronizzazione si intende un processo meccanico che permette la riduzione delle dimensioni delle particelle di una sostanza fino al raggiungimento della scala micrometrica (sebbene in alcuni casi possa indicare anche un ulteriore riduzione alla scala nanometrica). Questo processo è utilizzato in diverse industrie, per quanto riguarda quella dei principi attivi farmaceutici (API), dei nutraceutici e dei cosmetici, la micronizzazione fornisce una serie di importanti vantaggi.

Attraverso l’ottenimento di particelle di dimensioni micrometriche, migliorano solubilità e biodisponibilità dei composti ma non solo: anche la qualità, facilità di produzione e conservabilità del farmaco ne sono influenzate. Sono numerosi i farmaci che possono essere prodotti sfruttando questa tecnologia all’avanguardia, alcuni esempi sono: paracetamolo, diosmina, ibuprofene, acido acetilsalicilico e metronidazolo.

Come funziona la micronizzazione?

La micronizzazione si basa su processi che utilizzano macchinari ad alta energia per la riduzione delle particelle. Le principali tecniche sono:

Macinazione meccanica

La macinazione meccanica, o fresatura meccanica, è il metodo di micronizzazione più tradizionale e impiega generalmente parti mobili come martelli o perni che, ruotando, colpiscono le particelle riuscendo a ridurre il diametro fino a 50-75μm. Questa tecnica è adatta a una vasta gamma di materiali, inclusi quelli che non sono sensibili al calore.

Macinazione a getto 

Quando è necessaria un’ulteriore forza di macinazione, può essere utilizzato un metodo di macinazione a getto che sfrutta gas pressurizzato per scomporre le particelle. Questo metodo permette il raggiungimento di dimensioni ancora più piccole rispetto alla macinazione meccanica, fino a <5μm. L’utilizzo del getto causa un processo di accelerazione che porta le particelle a collidere fra loro, riducendone la grandezza. Un altro vantaggio di questo metodo è il ridotto rischio di contaminazione e la minore usura del macchinario, in quanto non ci sono parti meccaniche che entrano in contatto diretto con la sostanza.

Controllo della dimensione delle particelle

In seguito al processo di micronizzazione è fondamentale effettuare un’analisi del diametro delle particelle ottenute. Questo processo prevede la classificazione delle particelle in base alla loro grandezza per garantire che sia stata raggiunta la dimensione desiderata e, soprattutto, che ci sia un buon livello di omogeneità nella composizione finale del farmaco

L’importanza della micronizzazione per Flarer

La micronizzazione è una tecnica fondamentale nell’industria farmaceutica, nutraceutica e cosmetica per cui la richiesta è in costante crescita. Per le aziende che distribuiscono e utilizzano API, comprendere e sfruttare questo tipo di processi può portare alla creazione di prodotti più efficaci e competitivi. Per questo motivo siamo impegnati da oltre 30 anni nello stabilire solide partnership con fornitori sicuri e certificati che sfruttano tecnologie di micronizzazione all’avanguardia.

Assicuriamo qualità e cura nell’intero processo di fornitura di API e prestiamo attenzione alle novità del settore aggiornando il nostro portfolio. Per scoprire di più sui nostri servizi è possibile contattare i nostri consulenti.

Altri articoli dal blog

Furosemide: un potente diuretico

La furosemide è un farmaco diuretico che permette di eliminare acqua e sali minerali in eccesso dall’organismo. Si tratta di un medicinale comunemente utilizzato per trattare condizioni di pressione arteriosa alta, o patologie come l'edema associato a insufficienza...

Ciclosporina: il suo uso medico e veterinario

Il sistema immunitario è una preziosa arma che il nostro organismo ha a disposizione per proteggersi dall'invasione di sostanze estranee che possono risultare pericolose. Per farlo deve distinguere fra tutto ciò che è endogeno (appartiene all’organismo) e tutto ciò...

Il Tibolone: un alleato in menopausa

Il Tibolone è uno steroide sintetico con proprietà estrogeniche, androgeniche e progestiniche. Il suo principio attivo appartiene alla più ampia categoria dei modulatori selettivi del recettore degli estrogeni (SERMs). Questi medicinali agiscono legandosi ai recettori...

Paracetamolo o Ibuprofene? Scopriamo le differenze

Febbre, mal di gola o raffreddore, sono fra i disturbi più comuni per l’essere umano. Per questo tipo di problematiche vengono utilizzati due API estremamente diffusi e commercializzati: Il Paracetamolo e l’Ibuprofene.  Nonostante la loro popolarità, questi farmaci...

Nutrimento dal mare: estratti marini da alghe e microalghe

L'oceano copre oltre il 70% del pianeta ed è un'importante fonte di principi attivi derivati dagli esseri viventi che lo popolano come: alghe, funghi, spugne, molluschi, plancton e molti altri. Fra tutti, le alghe marine, oltre a svolgere un ruolo fondamentale nel...

Ti serve aiuto?

Richiedi una consulenza per i nostri prodotti e servizi!

Oppure contatta direttamente uno dei nostri ragazzi: Alex, Luca o Diana

Contattaci


    MattinoPomeriggioSera


    M