Principi attivi cosmetici: standard di produzione e distribuzione

I cosmetici che solitamente acquistiamo sono composti da alcuni ingredienti che si differenziano tra loro a seconda di una specifica funzionalità. Tensioattivi, emulsionanti, lipidi, additivi reologici o filmogeni, umettanti, antiossidanti, coloranti: ce ne sono tanti e di diverse tipologie, seppure ogni cosmetico sia composto prevalentemente da acqua. Tra queste materie prime ci sono i cosiddetti principi attivi cosmetici (detti anche attivi funzionali), che offrono un miglioramento all’organismo o alla superficie su cui vengono applicati.

Attivi cosmetici: cosa sono e a cosa servono

Gli attivi cosmetici sono sostanze funzionali che vengono aggiunte ai cosmetici per apportare effetti benefici di qualunque tipo, migliorare la piacevolezza d’uso del prodotto e la consistenza. Possiamo dire che un ingrediente è funzionale se partecipa attivamente al miglioramento della superficie biologica su cui viene applicato, oppure quando esercita una precisa funzione. Idratanti, i nutrienti, i deodoranti e antitraspiranti, gli antirughe, gli astringenti, le vitamine e i filtri UV sono per esempio le più diffuse sostanze funzionali, e si vanno ad aggiungere alle formulazioni base, fornendogli una o più proprietà peculiari.

Gran parte degli attivi cosmetici sono estratti vegetali, poiché le piante stesse sono ricche di proprietà benefiche e curative anche per la pelle.

principi attivi cosmetici

Le pratiche per la produzione e la distribuzione degli attivi cosmetici

Il 22 dicembre 2009 sono state emesse le linee guida per a corretta produzione di principi attivi cosmetici, pubblicate nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, nel “Nuovo regolamento sui Prodotti Cosmetici 1223/2009”. Obiettivo del Regolamento Europeo è semplificare le procedure di controllo all’interno del mercato per garantire un alto livello di tutela della salute e alcuni standard qualitativi nella produzione. Tale garanzia viene descritta nelle buone norme di fabbricazione (GMP).

Le GMP comprendono degli obiettivi generici sui processi di controllo della documentazione riguardante ogni step della produzione, della formazione del personale, del corretto mantenimento dei locali e delle apparecchiature, la gestione dei reclami e il risparmio dei costi sulla fabbricazione degli attivi cosmetici.

La certificazione ISO 22716

In concomitanza con i requisiti GMP vi sono anche gli standard di fabbricazione e distribuzione specifici per il settore cosmetico, descritti dalla UNI EN ISO 22716:2018. A partire dall’11 luglio 2013 il rispetto dei requisiti GMP è diventato obbligatorio e l’adozione della norma EN ISO 22716:2008 viene appositamente certificata con un documento rilasciato dalle autorità competenti. Negli anni  le aziende sentono con sempre maggiore consapevolezza l’importanza di adeguarsi e conformarsi ai requisiti di queste Linee Guida sulle Buone Pratiche di Fabbricazione dei Prodotti Cosmetici e che tale responsabilità venga confermata da organismi di certificazione attraverso una valutazione della gestione della qualità e della sicurezza dei loro prodotti, anche in ambito internazionale.

principi attivi cosmetici

I contenuti della ISO 22716

La norma UNI EN ISO 22716 fissa  le linee guida per la produzione, il controllo, la conservazione e la spedizione dei prodotti cosmetici con la finalità di garantire al consumatore elevati standard di sicurezza igienico- sanitari. I contenuti della ISO 22716 riguardano:

  • Scopo e campo di applicazione;
  • Termini e definizioni;
  • Personale, locali e apparecchiature;
  • Materie prime e materiali di imballaggio;
  • Produzione;
  • Prodotti finiti;
  • Laboratorio di controllo della qualità;
  • Trattamento del prodotto che non rientra nelle specifiche;
  • Rifiuti;
  • Subappalto;
  • Deviazioni;
  • Reclami e ritiri;
  • Controllo delle modifiche;
  • Audit interno;
  • Documentazione.

Flarer: offerta, conformità e sicurezza

Flarer mette a disposizione oltre 200 attivi funzionali ai fini del loro impiego nel settore cosmetico, nutraceutico e farmaceutico, rispettando sempre gli alti standard di qualità e le direttive europee sulla corretta commercializzazione dei prodotti. Grazie ai nostri servizi di scuting e audit interni, garantiamo sempre che qualità, sicurezza e conformità siano presenti anche nei processi produttivi dei nostri partner.

Vuoi conoscere il nostro portfolio prodotti e i nostri servizi? Contattaci per una consulenza!

Contatta i nostri Esperti

Altri articoli dal blog

Betadex e beta ciclodestrine: approfondimenti e campi di utilizzo

Il Betadex è un composto molecolare appartenente al gruppo delle ciclodestrine. Sta acquisendo sempre più importanza in campo scientifico ed è tutt’ora oggetto di studi clinici per la sua spiccata capacità di migliorare la solubilità di alcune formulazioni destinare...

Gli elementi chiave per una supply chain efficiente

La catena di approvvigionamento farmaceutico è una filiera complessa, che coinvolge diverse realtà del settore altamente specializzate e alcuni cruciali processi. Tali operazioni sono disciplinate da regolamenti internazionali che diventano sempre più rigidi nel...

Levalbuterol Hydrochloride: cos’è e come agisce? 

Levalbuterol Hydrochloride è una molecola che compone i farmaci broncodilatatori, impiegati principalmente per malesseri come asma e patologie ostruttive a livello polmonare come la BPCO: agisce rilassando le pareti bronchiali ed è uno dei metodi più efficaci per il...

Ti serve aiuto?

Richiedi una consulenza per i nostri prodotti e servizi!

Oppure contatta direttamente uno dei nostri ragazzi: Alex, Luca o Diana

Contattaci


    MattinoPomeriggioSera


    M